Fotostory

Lui ha il cancro, lei lo sposa e fa il maggior numero di figli prima che la malattia lo porti via

11 Febbraio 2015
Justine Radiven è una vera mamma coraggio britannica, ma la sua storia è stata resa nota solo pochi giorni fa. La donna ha conosciuto il marito Daniel, quando all’uomo era già stata diagnosticata da due anni una forma rara e aggressiva di tumore, il condrosarcoma. Ciononostante, i due hanno deciso di sposarsi, e per testimoniare il loro amore di mettere al mondo il maggior numero possibile di figli prima che il tumore l’avesse vinta. Ecco la loro storia.
 
Facebook Twitter Google Plus More
10891434_10155177949280160_7324279939397431952_n

Daniel, avvocato, e Justine, broker, si sono conosciuti nel 2005, quando lui era già malato di tumore: un cancro osseo infido, che nasce nel tessuto cartilagineo e ha come sintomo più comune il dolore. Nonostante la situazione, i due hanno deciso di sposarsi.

12228_10152657501785160_2108608233_n

E benché gli amici dicessero alla donna che era “da pazzi” desiderare di creare una famiglia numerosa con un malato terminale, lei racconta al Daily Mail che “eravamo felici, ci amavamo, e volevamo una famiglia.

62397_10152657501240160_1453582790_n

Quindi non abbiamo permesso a tanti “e se…” di interferire con la nostra decisione: abbiamo lasciato che la gente ci giudicasse, se voleva. Ma non abbiamo mai smesso di pensare che fosse la cosa giusta.

66979_10152657502120160_750444092_n

E non abbiamo mai parlato di quanto tempo sarebbe rimasto a Daniel da vivere, io non ho mai perso nemmeno un momento della mia vita a immaginarmi come sarebbe stato il futuro”.

306240_10152657502235160_1319473498_n

E così sono nati quattro bambini: Sofia, che ora ha 7 anni; Manny, un maschietto che ora ne ha 5, Jessie, femminuccia di 3. L’ultima, Millie, è nata nell’aprile 2013, otto mesi prima che il padre, a 39 anni, soccombesse al cancro.

482851_10152657501825160_761652290_n

E Justine racconta che il marito “voleva disperatamente essere un buon padre per i suoi figli. Ogni volta che veniva operato per rimuovere una nuova recidiva del tumore, era costretto a letto.

542596_10152657501630160_1491209502_n

Ma i bambini ci si sono abituati: quando tornavano da scuola salivano le scale strillando, ansiosi di vedere papà per raccontargli la loro giornata”.

543372_10152170147800160_1663263467_n

E negli ultimi tempi, prima di morire, Daniel “stava steso nel nostro letto, il suo corpo terribilmente smunto e sottile, i suoi capelli con quello strano colore bianco.

550050_10152657501225160_1786187465_n

Era debolissimo, eppure mi ha chiesto: “Se avessi saputo che le cose sarebbero andate così, avresti preso decisioni diverse?”.

555221_10152657502045160_1036374951_n

Ma il suo tumore ha fatto parte della nostra relazione fin dall’inizio, e io non ho mai avuto illusioni: solo speranza”.

576305_10152657501375160_1593943523_n

Per la nascita della quarta figlia, ad aprile 2013, Daniel, nonostante fosse terribilmente indebolito dal cancro, ha voluto essere presente in sala parto ed essere lui a tagliare il cordone ombelicale. È morto 8 mesi dopo, il 16 dicembre.

625441_10152657502330160_1401761912_n

“Mi manca terribilmente – conclude Justine – e ha lasciato un vuoto terribile nelle nostre vite. Ci sono momenti in cui guardo Millie e mi chiedo se sia stata stupida a volere quest’ultima figlia quando mio marito era così malato.

625447_10152657501420160_1766856742_n

Ma ho quattro promemoria viventi che mi ricordano che persona fantastica Daniel fosse”.

12

Daniel, avvocato, e Justine, broker, si sono conosciuti nel 2005, quando lui era già malato di tumore: un cancro osseo infido, che nasce nel tessuto cartilagineo e ha come sintomo più comune il dolore. Nonostante la situazione, i due hanno deciso di sposarsi.
Facebook Twitter Google Plus More