Storia di una mamma

Mamma velista parte per il giro del mondo e lascia il figlio per nove mesi

samdavies
10 Ottobre 2014
Per nove mesi non vedrà il figlio di tre anni. E' la skipper Sam Davies, del Team Sca, in partenza per la regata Volvo Ocean Race, la gara che fa il giro del mondo in 9 mesi. "Mio figlio in barca mi mancherà moltissimo e di certo mi chiederò un milione di volte se ho fatto la cosa giusta”  dice la Davies.
Facebook Twitter More

Partire per il giro del mondo in barca a vela e lasciare a terra il figlio per 9 mesi: è l'impresa della mamma skipper Sam Davies, domani  in partenza per la  Volvo Ocean Race, la regata che attraversa il globo.

 

“Mi chiamo Sam Davies, sono inglese di Portsmouth, ho 40 anni. Da domani lascerò mio figlio Ruben di tre anni a casa con suo papà. Parto da Alicante per la Volvo Ocean Race. L'arrivo è previsto a Goteborg nel giugno 2015. Mi sento una madre snaturata? No. Sono una donna che lavora e la mia passione è la vela, merita rispetto. Avrò sensi di colpa? Non lo so... Mio figlio in barca mi mancherà moltissimo e di certo mi chiederò un milione di volte se ho fatto la cosa giusta”  spiega la Davies.

Leggi anche: Lascio il lavoro per i figli, è la scelta giusta? 

 

Ma Sam non è la sola mamma ad aver fatto questa scelta, infatti il suo equipaggio, il Team Sca, è composta da sole donne. C'è anche l'olandese Carolijn Brouwer, madre di Kyle e l'inglese Abby Ehler, anche lei madre. 


“Non si tratta di un ribaltamento dei ruoli, ma di vera parità tra maschi e femmine. Senza l'appoggio di mio marito non avrei mai potuto prendere parte alla gara. E da domani il compito più impegnativo sarà il suo” dice la Davies che conclude:  “In mezzo all'oceano non mi dimenticherò di essere mamma”. 

Leggi anche: Storia di un papà manager che si è dimesso per stare di più con la figlia