Novità

Manovra, detrazione per chi iscrive i bambini alle scuole di musica e ai conservatori

Di Sara De Giorgi
scuola-di-musica
11 dicembre 2019
Un emendamento alla Manovra 2020 approvato da pochissimo prevede una detrazione del 22% alle spese realizzate dalle famiglie che iscrivono bimbi e ragazzi a conservatori, scuole di musica, cori e bande.

Sono in probabile arrivo incentivi per i bambini che vogliono imparare a suonare uno strumento musicale. Un emendamento alla manovra 2020 approvato recentemente dalla commissione Bilancio del Senato prevede una detrazione del 22% delle spese effettuate dalle famiglie che iscrivono i figli ai conservatori, alle scuole di musica, ai cori e alle bande.

 

 

Manovra 2020, detrazione per chi iscrive i figli a scuole di musica

 

Lo sconto Irpef sarà applicato per spese inferiori ai mille euro e per famiglie con reddito complessivo non oltre i 36 mila euro, per l'iscrizione annuale e l'abbonamento di bambini e ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni a:

  • conservatori di musica, 
  • istituzioni legalmente riconosciute dall'Afam,
  • scuole di musica iscritte ai registri regionali,
  • a cori, bande e scuole di musica riconosciute da una pubblica amministrazione.

 

La detrazione, dunque, è a favore di tutti i ragazzini che intendono studiare la muscia e fare pratica con uno strumento.