News

"Marco era destinato a salvare le vite di 5 bambini": il ricordo del papà di Marco, caduto in minimoto

miniotocristian
20 Luglio 2016
Sono diventati virali nel giro di pochissimo i post del papà di Marco, Cristian Scaravelli, pubblicati sulla sua pagina Facebook. Il bimbo è deceduto pochi giorni fa in seguito alle ferite riportate per una caduta in minimoto. "Lui era destinato a salvare la vita a 5 bambini.
Grazie ai suoi organi oggi 5 bambini possono sperare, possono iniziare una nuova vita, 5 famiglie oggi sono felici per la possibilità ricevuta", scrive Cristian.
Facebook Twitter Google Plus More

6 anni. Caduto in minimoto domenica 10 luglio. Una disgrazia, accaduta all'improvviso, mentre papà Cristian e il piccolo Marco stavano riportando la minimoto al gazebo, alla fine della seconda delle cinque lezioni che Cristian aveva regalato al figlio per il suo compleanno.

 

Marco non ce l'ha fatta, ha lottato per sette giorni, ma si è spento in ospedale. E i genitori hanno deciso di donare gli organi.

 

Sono diventati virali i due post in cui papà Cristian annuncia la donazione degli organi del figlio. Eccoli nella loro versione integrale.

 

"Marco ha lottato con tutte le sue forze in questi sette giorni.
I medici hanno fatto qualunque cosa per salvarlo, gli sono state somministrate dosi altissime di farmaci, le cure si sono succedute senza tregua, con il massimo impegno dal primo all ultimo minuto.
Il suo fisico le ha sopportate tutte, era forte come un toro, in piena salute.
Il trauma cranico subito in quel maledetto incidente ha causato però danni gravissimi al suo cervello che qualche ora fa ha smesso di avere attività, il piccolo marco ha dovuto cedere ad una cosa troppo grande.
Marco è sempre stato un bimbo felice, allegro, e molto generoso, disposto a condividere un pezzetto di cioccolato con mamma e papà, un gioco con un amico.
Oggi però si è superato!
Oggi marco ha deciso di donare i suoi 2 reni, il fegato, i polmoni e il cuore.
Oggi grazie a marco 5 famiglie avranno la possibilità di sperare.
Oggi grazie a marco per 5 bambini potrà iniziare una nuova vita.
I suoi organi sono sani e forti, sono idonei al trapianto!
In un anno, in Italia si riescono a reperire solo 5 o 6 cuori di un bimbo di 6 anni, quest anno uno di quei cuori è di marco.
Condividete, diffondete tutti il più possibile questo post.
Tutti devono sapere chi è marco!"

 

Il secondo post, pubblicato ieri

 

"Marco ha vissuto con noi 6 anni.

Sono pochi, troppo pochi, sono stati però di un intensità unica.
Abbiamo cercato di educarlo nel modo migliore, abbiamo cercato di dargli dei valori, abbiamo vissuto insieme tutte le esperienze possibili, abbiamo goduto nostro figlio senza risparmiarci un attimo.
Lui ci ha ricambiato con tanto amore, con baci, con abbracci, con parole ed espressioni che riempivano il cuore.
Noi abbiamo insegnanto tanto a marco ma penso che in realtà abbia insegnato più lui a noi.
Vi chiederete cosa ci può insegnare un bimbo di 6 anni.
Marco ci ha insegnato a vedere la vita con semplicità, ad emozionarsi delle piccole cose, a fare una risata spontanea, a parlare senza l uso delle parole ma con le sole espressioni del viso, marco ci ha insegnato che se incontri qualcuno puoi dirgli "ciao" anche se non lo conosci senza dover esser considerato matto.
Marco ci ha insegnato a vedere le cose con gli occhi di un bambino, con curiosità, con positività.
Marco era unico, riusciva a conquistare sconosciuti dopo alcuni secondi di conversazione, era gentile, educato, generoso, sono sicuro che se ne avesse avuto la possibilità sarebbe diventato un grande uomo.
Marco amava lo sport, calcio, tennis, basket, nuoto, motociclismo, deltaplani.
Marco era davvero felice, amava la vita!
Ma allora perché?
Tutti ci chiediamo perché un bimbo di 6 anni, con tutte queste belle qualità ha fatto questa fine, perché è successo questo proprio a lui?
È difficile darsi una spiegazione logica, razionale.
Quello che vogliamo credere è che il suo destino fosse questo.
Lui era destinato a salvare la vita a 5 bambini.
Grazie ai suoi organi oggi 5 bambini possono sperare, possono iniziare una nuova vita, 5 famiglie oggi sono felici per la possibilità ricevuta.
Pensiamo che questo sia lo scopo e il motivo di tutto questo.
La vita di nostro figlio per la vita di altri 5 bimbi.
Mi pare uno scambio valido no? !
Tantissime persone in questi giorni ci sono state vicine, questa vicenda ha avuto un impatto inimmaginabile sulla nostra comunità e anche oltre.
Tutti sono pronti e disponibili a fare qualcosa.
Ecco! Noi qualcosa ora ve la chiediamo davvero!
Quando andate a casa abbracciate i vostri figli, forte, talmente forte da far loro quasi male, fate insieme a loro un grande sorriso e pensate a marco.
Mamma e papà"