Alimentazione bambini

Negli asili di New York vietato stare seduti davanti a tv o Ipad più di mezz'ora e niente succhi

bill-de-blasio
27 Marzo 2015
La ricetta della salute per i bambini che frequentano l'asilo nido è stata stabilita dal Board of Health, l'assessorato alla salute di New York, per contrastare il sovrappeso e l'obesità infantile
Facebook Twitter Google Plus More

L'amministrazione di New York conferma la sua indole salutista. Dopo il divieto di vendere bibite gassate maxi dell'ex sindaco Michael Bloomberg (divieto poi rimosso da un giudice), anche Bill De Blasio, l'attuale sindaco italo americano vuole lasciare il segno. 

 

Il suo 'Board of Health', cioè l'assessorato alla salute, ha stabilito per legge tre regole che dovranno essere osservate negli asili nido. Ecco quali sono:

 

1 All'asilo i bambini non possono bere succhi di frutta

fino ai due anni, anziché fino a otto mesi come era previsto in precedenza. 

 

2 Dopo i 24 mesi i bambini possono bere soltanto succhi puri al 100%

e non 'bevande al gusto di ... ' e in quantità non superiore a quattro once (circa 110 grammi), rispetto alle sei once previste prima.

 

3 I bambini non possono stare fermi più di mezz'ora al giorno davanti a uno schermo

, contro l'ora prevista in precedenza.

 

Il limite di mezz'ora davanti agli schermi comprende non solo la tv ma anche pc, tablet, lettori dvd, e videogiochi portatili. Leggi anche No a smartphone e tablet per calmare i capricci

 

Il tempo davanti agli schermi non deve essere più di un'ora e mezza alla settimana 

Nella mezz'ora non si conta il pisolino pomeridiano o il tempo dedicato alla lettura, al disegno o ai puzzle.

 

Michelle Obama
| foto Reuters

Le nuove regole della salute hanno raccolto il plauso dei sostenitori della crociata per il benessere fisico che sta caratterizzando l'America di Obama e che vede la first lady Michelle Obama in prima linea con varie iniziative salutiste, tra cui la promozione dell'allattamento materno e il cibo sano. 

 

"Non manderei mai mio figlio in un asilo nido dove fosse ammesso guardare la tv - ha detto Elisabeth Clements, mamma di tre bambini, intervistata da www.nydailynews.com.

 

"Succhi e tv non fanno bene. Vorrei abbracciare lo stato babysitter quando detta queste regole," ha aggiunto un'altra mamma, Helen Chernikoff. 

 

Non tutti i genitori si sono detti d'accordo però: e la libertà di scegliere? 

 

"Vogliono controllare tutto - ha commentato Eric Diaz, papà di Brooklyn. "Ogni bambino è diverso dall'altro". 

 

"E' come il divieto di vendere le bibite gassate maxi introdotto dal precedente sindaco Michael Bloomberg - ha aggiunto Victoria, Clark, mamma di due bambini. Si tratta di regole troppo restrittive. "La tv può anche educare e non tutti i succhi di frutta fanno male". 

 

Le nuove regole sono state approvate dal Board of Health all'inizio del mese e pubblicate lunedì scorso. La posizione ufficiale è che sono necessarie per tenere sotto controllo i tassi di obesità dei bambini che stanno aumentando in modo vertiginoso.

 

 

Secondo l'assessorato alla salute di New York, il 15% dei bambini di tre anni e il 17% dei bambini di quattro anni di famiglie a basso reddito risultavano obesi (dati 2011).

 

"Un'alimentazione e uno stile di vita sano nei primi anni di vita possono avere un impatto profondo sulla salute dell'individuo più avanti negli anni," ha concluso un comunicato del Board. 

 

Insomma eterno dilemma anche per gli americani: l'interesse prevalente deve essere la salute pubblica o la libertà dell'individuo?

 

GUARDA IL VIDEO CON LA RICETTA SPAGHETTI E POLPETTINE ISPIRATO AL FILM LILLY E IL VAGABONDO