Obesità infantile

Obesità infantile: parte "Costruiamo il futuro", campagna di sensibilizzazione dei pediatri contro l'obesità

bambinoobesomare
14 Marzo 2016
Un progetto in 10 tappe che attraverserà l'Italia con l'obiettivo di supportare i pediatri nel loro compito di consulenti nutrizionali per i bimbi. Un'iniziativa partita da una necessità nazionale: i bimbi italiani e nel mondo sono sempre più in sovrappeso.
Facebook Twitter Google Plus More

Una realtà che colpisce sempre più bambini nel mondo ma anche in Italia. Una patologia che dipende da tanti fattori differenti e che è un trend sempre più in ascesa: l'obesità infantile.

 

In tutto il mondo ci sono 41 milioni di bimbi obesi o in sovrappeso, secondo un rapporto appena presentato dall'Organizzazione Mondiale della sanità. Un dato che colpisce anche l'Italia, basti pensare che, per esempio,  in Puglia, 1 bimbo su 4 è obeso. E che in Italia 1 bambino su 3 è in sovrappeso.

 

I dati devono far ripensare all’educazione alimentare nel suo complesso. Per esempio una dovuta sensibilizzazione a un eccesso di proteine nei primi tre anni rispetto ai quantitativi consigliati, all’uso di bevande zuccherate, alla scarsa presenza di frutta e verdura nella dieta dei bambini.

 

Parte il progetto "Costruiamo il Futuro"

 

E' partito il 12 marzo a Bari "Costruiamo il Futuro", progetto articolato in 10 tappe che attraverserà tutta l'Italia con l'obiettivo di supportare i pediatri nel loro compito di consulenti nutrizionali per i bambini. L'iniziativa è organizzata in partnership dalla Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e dalla Presidenza della Società Italiana di Pediatria (SIP).

 

Progetto dunque indirizzato ai pediatri, che saranno impegnati a perfezionare le proprie conoscenze sull'eccesso ponderale infantile - ossia il peso fuori controllo - sulle sue inevitabili conseguenze a carico della salute, ma anche sulle possibili strategie per arginare questa minaccia, anzitutto attraverso un'alimentazione adeguata.

 

Leggi anche: obesità infantile, indicazioni dell'OMS

Fonte: Fimp e progetto "costruiamo il futuro"