Doodle

Oggi anche Google festeggia i papà

doodlegoogle
19 Marzo 2018
In occasione della festa del papà di oggi anche Google ha pensato bene di festeggiare tutti i papà con un Doodle fatto per loro di manine colorate. E' disponibile in Italia, Bolivia, Portogallo, Spagna e Honduras.
Facebook Twitter More

Oggi, 19 marzo, è la festa di tutti i papà! E anche Google ha pensato di festeggiare questa ricorrenza con un Doodle creato apposta per l'occasione.

 

Tante manine di bimbi, colorate e a forma di dinosauro si rincorrono in un prato.

Una blu, una rossa, una gialla, una verde: un vero e proprio lavoretto fatto da un bambino per il proprio papà.

Un Doodle visibile però non in tutto il mondo, ma solo in Italia, Bolivia, Honduras, Portogallo e Spagna.

Come mai? Perché la festa del papà non si festeggia in tutto il mondo nello stesso giorno.

 

La festa del papà nel mondo

In Italia la celebriamo ogni 19 marzo. La data però deriva dalla tradizione cattolica che fa coincidere la ricorrenza con il giorno dedicato a San Giuseppe, padre di Gesù. Lo stesso discorso vale quindi per altri paesi cattolici come Spagna e Portogallo. Scelti appunti dal Doodle di oggi.

 

Nei Paesi anglosassoni, ma anche in Francia, Perù, Olanda e Ungheria i papà si festeggiano la terza domenica di giugno.

Nella seconda domenica di giugno invece c'è la festa dei papà in Svizzera (ma non nel Canton Ticino), Colombia, Belgio e Austria.

 

Discorso diverso per la Germania: da loro i papà sono celebrati 40 giorni dopo Pasqua e la data coincide con il giorno dell'ascensione. Si chiama Herrentag, il "giorno degli uomini".

 

Paese che vai, usanza che trovi. In Russia il giorno si chiama "Festa dei difensori della patria" e ricorre il 23 febbraio. In Thailandia invece tutti i papà si celebrano il 5 dicembre. A Taiwan? La scelta della data è insolita. Ricorre l'8/8, l'8 di agosto, a causa dell'omofonia tra 8/8 e la parola papà.

 

E l'Australia? Nella terra down under non si festeggia come nel resto dei Paesi anglosassoni, a giugno, ma la prima domenica di settembre (che per loro poi, significa che sta tornando la primavera!).