Psiche bambini

Ospedale Bambino Gesù: attivo un call center neuropsichiatrico h24

piantobambino
10 Agosto 2015
Il piccolo piange urla e ha una crisi violenta. Oppure isola e non parla. Per ricevere aiuto immediato in situazioni simili, un team di psicologi dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma è pronto a dare una prima risposta telefonica per i casi di disagio emotivo e comportamentale di bambini e ragazzi. Attivo 24 ore su 24.
Facebook Twitter More

"Mia figlia ha una crisi violenta. Piange e urla che ci odia. Si è chiusa in camera, prende a pugni il muro e ho il terrore che si tagli i polsi… Aiutatemi". "Il mio bambino ha 2 anni e si isola, non parla, non interagisce con nessuno. In famiglia mi prendono per ‘matta', dicono che esagero, ma io so che c'è qualcosa che non va. Ho bisogno di capire che succede".  

 

Vere e proprie consulenze telefoniche per genitori in difficoltà con i propri bambini e ragazzi. In estate aumentano le richieste di aiuto. Ogni giorno della settimana, per tutto l'anno, anche quello estivo, un team di psicologi esperti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù risponde telefonicamente alle domande dei genitori 24 ore su 24.  Un servizio rivolto a tutti i genitori che hanno difficoltà a gestire i comportamenti del proprio figlio.

 

Come funziona il servizio?

 

Dopo aver chiamato il numero 06 6859 2265, risponde uno psicologo. Dopo aver ascoltato, a seconda della gravità del caso, valuta la soluzione più adatta:

  • può fornire consigli e ritenere concluso l'intervento,
  • può suggerire una visita da un neuropsichiatra infantile per ulteriori approfondimenti
  • o, addirittura, disporre l'invio al pronto soccorso nei casi più urgenti o se il bimbo/ragazzo è in preda a una crisi. (Leggi anche: pronto soccorso, 16 casi in cui devi andare con il tuo bambino)

 

Come sottolinea Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria Infantile del Bambino Gesù: "In base all'esperienza maturata, le consulenze telefoniche si sono rivelate particolarmente efficaci per l'immediatezza dell'intervento, soprattutto nei mesi estivi quando si registra un aumento di richiesta di aiuto da parte delle famiglie. Il caldo torrido, la solitudine di chi resta in città e la chiusura della scuola che normalmente rappresenta un fattore di protezione dello stato di salute degli studenti, costituiscono importanti elementi di rischio per la comparsa di disturbi emotivi e del comportamento". (Leggi anche le 8 regole per rimproverare un bambino)

 

Il numero da chiamare è 06 6859 2265. 

 

Fonte: Ospedale Bambino Gesù