News

Papa Francesco: "E' normale che i bambini piangano, non cacciateli dalle chiese"

papafrancesco
15 Dicembre 2014
In visita alla parrocchia romana di San Giuseppe all'Aurelio, papa Francesco ha incontrato domenica i bimbi battezzati nel 2014. "Non cacciateli dalle chiese". E' normale infatti che i bambini piangano. "Il loro pianto è la miglior predica", ha aggiunto Bergoglio.
Facebook Twitter More

Ha accarezzato i bambini e li baciati. Ne ha approfittato per farsi scattare i soliti "selfie" con i fedeli ed è stato accolto da un cartellone con la scritta "Buon compleanno Santità". Papa Francesco compirà infatti 78 anni il 17 dicembre, fra due giorni. (Leggi anche il significato del nome Francesco)

 

Ieri il papa ha fatto  visita alla parrocchia romana di San Giuseppe all'Aurelio. E ha incontrato i genitori dei bimbi battezzati nell'ultimo anno e alcune famiglie rom del campo nomadi di Val Cannuta.

 

"I bambini piangono in chiesa? Mai cacciarli"

 

"I bambini piangono, fanno rumore, vanno di qua e di là. Ma mi dà tanto fastidio quando in chiesa un bambino piange e c'è chi dice che deve andare fuori. Il piano del bambino è la voce di Dio: mai cacciarli via dalla chiesa" ha commentato papa Bergoglio.

 

"Il loro pianto è la miglior predica", ha aggiunto Bergoglio, dimostrando ancora una volta quanto per lui l'essere cristiani consista nell'apertura verso gli altri.

 

Ai genitori dei bimbi Francesco ha dato anche un "compito a casa", quello di cercare la data del proprio battesimo. "E' il nostro giorno di festa - si è raccomandato - quel giorno abbiamo conosciuto Gesù". E ha raccontato di essere stato battezzato il giorno di Natale, "proprio otto giorni dopo la mia nascita, perché a quel tempo in Argentina si faceva così".

 

La storia: mia figlia Alice tra le braccia di papa Francesco 

Insieme ad un’altra coppia di amici abbiamo deciso di recarci a Roma per partecipare ad una delle udienze papali che si svolgono settimanalmente a San Pietro. Siamo partiti da Catania entusiasti, speranzosi ma anche consapevoli del fatto che la possibilità di vedere da vicino papa Francesco era una “missione impossibile”, considerando le milioni di persone che sono in piazza san Pietro il mercoledì, giorno in cui si svolgono le udienze papali.... SEGUE >>