Scuola di Amatrice

Ritorno a scuola: anche ad Amatrice riprendono le lezioni

Di Niccolò De Rosa
terremoto-amatrice
13 Settembre 2016
Grazie agli sforzi della Protezione Civile, una struttura modulare costruita in tempi record può ora ospitare gli oltre 200 giovani studenti di Amatrice che hanno ripreso regolarmente le lezioni.
Facebook Twitter More

Dopo la catastrofe, il suono della campanella può apparire come un preludio di normalità, anche se, intorno ai ragazzi che si apprestano ad iniziare la scuola, nulla è più come prima.

 

La ricostruzione deve ancora partire, ma il lavoro della Protezione Civile della provincia autonoma di Trento ha regalato alla comunità una struttura modulare che permetterà ai più di 200 studenti delle elementari di Amatrice di cominciare regolarmente l'anno scolastico.

La colorata struttura che ospiterà le classi di Amatrice | Ansa.it

Molti edifici della zona sono infatti ancora inagibili (32 su 577), ma le autorità hanno lavorato sodo per permettere almeno ai più giovani di riallacciarsi con la quotidianità e di proseguire con il loro percorso formativo. Ecco perché, oltre alle strutture utilizzabili, sono state allestite tende  e prefabbricati per quelle classi senza un posto dove far lezione.

 

«Sono molto felice e molto commossa perché si riparte dalla scuola, lo avevamo detto il 27 agosto e oggi, grazie all'impegno di tutti coloro che si sono spesi per produrre un mezzo miracolo siamo riusciti a farlo - scrive Repubblica riportando le parole della ministra Giannini, unitasi a Renzi e al ministro Del Rio nel congratularsi con le forze in campo - affetto, serenità, amicizia, simpatia e serenità sono le parole che vogliamo tutto insieme cercare di darvi fin da oggi. Quello che conta è che il nostro impegno parte oggi, per fare sì che questo edificio, questa bellissima nuova scuola sia la vostra casa e la casa della comunità di Amatrice, una comunità portatrice di speranza».

 

 

Contemporaneamente alla riapertura delle scuole di Amatrice, una squadra di educatore di Save the Children sta supportando le insegnanti della scuola d'infanzia della frazione di San Cipriano con l'obiettivo di facilitare l'inserimento nella nuova scuola dei bambini che in queste settimane erano stati dislocati nello "Spazio a Misura di Bambino" allestito nel campo di Amatrice subito dopo il sisma.

Save the Children si è anche è impegnata nella realizzazione della nuova mensa scolastica, di un Centro per le attività extrascolastiche, nonché di una area attrezzata per lo sport e il movimento.

 

Leggi anche: terremoto, come aiutare i bambini ad affrontare un lutto