Salute

Studio Usa: troppi antibiotici ai bambini. 57% più del necessario

antibiotici-famiglia
24 Settembre 2014
A troppi bambini vengono prescritti antibiotici. Anche quando non sarebbe necessario.  E' quanto emerge da una ricerca dell'Università di Washington e del Seattle Children's Hospital.
Facebook Twitter More

Il bambino ha un'infezione alla gola o all'orecchio? La soluzione non è sempre e solo l'antibiotico. Troppi pediatri prescrivono infatti antibiotici anche quando non dovrebbero. In totale nel 57% circa delle visite per queste due infezioni.

 

Questo è quanto emerge da una ricerca dell'Università di Washington e del Seattle Children's Hospital. Più di 11 milioni di antibiotici vengono prescritti anche quando non sarebbe necessario. E i destinatari sono bambini e adolescenti.

 

Aumentano i batteri "resistenti" agli antibiotici

 

Questo eccesso nell'uso degli antibiotici non solo non è utile nel caso di infezioni di virus e non di batteri (gli antibiotici servono infatti solo per le infezioni di tipo batterico), ma può causare una pericolosa evoluzione dei batteri generando "resistenza". Questo che cosa significa? A lungo andare si selezionino ceppi di batteri resistenti agli antibiotici, contro i quali non si riescano a trovare terapie efficaci.

 

"Era già abbastanza chiaro a tutti noi che prescriviamo antibiotici troppo spesso. Lo scopo di questa ricerca era quella appunto di capire 'quanto spesso'" spiega il Dottor Matthew Kronman, autore dello studio.

 

"Ma abbiamo anche constatato che la situazione non è variata molto negli ultimi vent'anni" aggiunge Kronman. "E che non ci sono molti strumenti per capire se l'infezione davanti a noi è di tipo virale o batterico". 

 

Per sapere quante volte viene prescritto l'antibiotico sono stati analizzati studi in lingua inglese degli ultimi 14 anni su pazienti al di sotto dei 18 anni.

 

In generale, è emerso che circa il 27% dei bambini andati dal medico negli Stati Uniti ha avuto un'infezione all'orecchio o alla gola causata da batteri. Ma gli antibiotici erano stati comunque prescritti nel 57% dei casi.

 
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Pediatrics dello scorso 15 settembre. LEGGI ANCHE: ANTIBIOTICI AI BAMBINI? CON CAUTELA

 

Batteri o virus? Oggi c'è il tampone

 

Per sapere se un'infezione alla gola è causata da un batterio o da un virus i medici analizzati nella ricerca hanno utilizzato il tampone. Che è l'unico strumento oggi a disposizione per stabilire se il mal di gola è causato da batteri.

 

La speranza è che questo studio sensibilizzi i medici a essere un po' più critici nella somministrazione di antibiotici. Si spera inoltre che aiuti nella ricerca e nello sviluppo di nuovi strumenti per comprendere se una malattia è causata da un batterio oppure no.

 

Guarda anche il video sui bambini e il mal di gola

 

 

L'uso eccessivo degli antibiotici in Italia

 

Gli antibiotici sono i farmaci più utilizzati in età pediatrica: secondo i dati pubblicati dall’Osservatorio Arno nel 2011, gli antibiotici vengono utilizzati dal 42% dei bambini di età inferiore ad 1 anno, dal 66% di quelli di 1 anno, dal 65% tra i 2 e i 5 anni, dal 41% tra i 6 e gli 11 anni. Un uso eccessivo, che ha fatto innalzare i livelli di resistenza agli antibiotici dal 21% del 2003, all’attuale 35%. Per approfondire: l'uso degli antibiotici in Italia aumenta la resistenza dei batteri.

 

 

Le regole per usare correttamente gli antibiotici:

       
  •    

     evitare il fai da te

       
  •    
  •    

    seguire scrupolosamente i dosaggi indicati dal pediatra

       
  •    
  •    

    proseguire la terapia per tutto il tempo utile ad ottenere la completa eliminazione dei batteri che hanno causato la malattia (di solito per non meno di 7-10 giorni)

       
  •    
  •    

    non utilizzare una confezione di antibiotico già aperta e utilizzata in precedenza.

       

Articoli correlati

Farmaci per i bambini: istruzioni per l'uso

Malattie esantematiche, sintomi e cure

Meningite, le precauzioni per i bambini

DAL FORUM: ANTIBIOTICO E TOSSE