ricerca

Uno studio rivela: bambini e bambine hanno pari abilità matematiche

Di Sara Sirtori
abilitamatematiche
08 Novembre 2019
Una ricerca della Carnegie Mellon University ha stabilito che non vi è alcuna disparità di genere nell’apprendimento e nelle abilità matematiche dei bambini.
Facebook Twitter More

E’ da sfatare il mito secondo cui le donne non eccellono nel campo scientifico, tecnologico, ingegneristico e matematico (STEM) a causa di carenze biologiche nelle attitudini matematiche.

 

 

Un gruppo di ricerca della Carnegie Mellon University, guidato da Jessica Cantlon, ha esaminato in modo approfondito lo sviluppo del cervello di giovani ragazzi e ragazze. Questo studio  non mostra alcuna differenza di genere nella funzione cerebrale o nelle abilità matematica. I risultati della ricerca sono disponibili online nel numero dell'8 novembre della rivista Science of Learning.

 

"La scienza non si allinea alle credenze popolari"

 

hanno dichiarato Jessica Cantlon, Ronald J. e Mary Ann Zdrojkowski, professore di Neuroscienze dello sviluppo presso il Dietrich College of Humanities and Social Sciences della CMU e autore  del documento. 


"Vediamo che il cervello dei bambini funziona in modo simile indipendentemente dal loro genere, quindi speriamo di poter ricalibrare le aspettative sui risultati che i bambini possono ottenere in matematica."

 

Il team ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale per misurare l'attività cerebrale in 104 bambini dai 3 ai 10 anni mentre guardava un video educativo che trattava argomenti di matematica semplici, come la somma e la sottrazione. 
I ricercatori hanno confrontato le scansioni di maschi e femmine per valutare le similitudini e le differenze a livello cerebrale. 
Il team ha poi confrontato le scansioni dei bambini con quelle prese da un gruppo di adulti che hanno guardato gli stessi video di matematica. 
Dopo numerosi confronti statistici, Cantlon e il suo team non hanno trovato alcuna differenza nello sviluppo del cervello di bambini e bambine e né hanno riscontrato differenze nel confronto dei bambini con uomini o donne del gruppo di adulti.


"Non solo bambini e bambine utilizzano le aree del cervello deputate matematica allo stesso modo, ma sono anche emerse somiglianze con il cervello delle persone adulte", ha affermato Alyssa Kersey, studiosa post-dottorato presso il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Chicago e prima autrice dell'articolo.  Non vi è dunque una differenza di genere tra abilità matematica e maturità cerebrale.


"Questo è un importante dato di fatto: gli esseri umani sono più simili tra loro di quanto si pensi".