William

William d'Inghilterra: "Avrei voluto che mia moglie e i miei figli conoscessero mamma Diana"

Di Chiara Dalla Tomasina
georgeekate
02 Giugno 2017
Il duca di Cambridge svela le sue emozioni a quasi 20 anni dalla scomparsa dell'amatissima madre in un tragico incidente d'auto. E racconta: "Quanto mi mancano i suoi consigli"
Facebook Twitter More

E' uno sfogo inaspettato quello del principe William d'Inghilterra attraverso le pagine del GQ britannico. Il reale inglese, infatti, da sempre noto per la sua riservatezza, ha parlato a cuore aperto della madre Diana, scomparsa nell'agosto del 1997 a Parigi in un incidente d'auto dalle circostanze tuttora non chiarite.

"Avrei voluto ricevere i suoi consigli - ha confessato il principe ad Alastair Campbell, ex spin doctor di Tony Blair, "e vorrei tanto che avesse conosciuto Catherine e vedesse crescere i nostri bambini. Mi rende triste pensare che non è successo e che loro non la conosceranno mai".

 

William, sposato da 6 anni con Kate Middleton, è padre di due bambini: il principe George, che compirà 4 anni a luglio, e la principessa Charlotte, che di anni ne ha 2. La sua famiglia, ha ammesso il reale inglese, è stata fondamentale per donargli quella serenità che gli è servita non solo per svolgere tutti i giorni i suoi doveri di futuro re, ma anche per elaborare un lutto così forte e importante. "Non potrei adempiere ai miei ruoli senza la stabilità della mia famiglia, è troppo importante per me”, ha dichiarato William, “io e Kate vogliamo far crescere i nostri figli in un mondo felice, stabile e sicuro".

William
| Pinterst

Ora, però, finalmente grazie all'aiuto della moglie e alla gioiosa presenza dei suoi bambini, tutto sembra finalmente più facile. "Ora mi sento molto meglio rispetto a come sono stato per lungo tempo", ha raccontato riferendosi al suo lutto, che ha condiviso anche con il popolo inglese, da sempre in adorazione di Lady D, "adesso finalmente posso parlare di lei più apertamente e più onestamente. Posso ricordarla meglio e anche parlare in pubblico di lei meglio".

 

William, poi, pone l'accento su quanto sia diverso subire un'esperienza così forte e dolorosa quando sei un personaggio pubblico: "Quando qualcuno perde una persona che ama, può nascondere la cosa o decidere se condividere o meno la propria storia con gli altri - ha spiegato il principe - ma per me è stato diverso, perché tutti conoscono la mia storia e sapevano cosa mi fosse successo".

 

Alla fine dell'intervista, William lascia un attimo da parte il suo ruolo di figlio e torna nei panni di padre presente e anche un po' preoccupato: "Voglio che George cresca in un mondo reale, in un ambiente vivo, non rinchiuso dietro le pareti di un palazzo - ha spiegato il duca di Cambridge, "lui deve andare là fuori, tra la gente". Da parte sua, William ci metterà tutto l'impegno e tutta la sua forza: "I media rendono tutto questo molto più difficile - ha ammesso - ma io lotterò affinché i miei figli abbiano una vita normale".