Home Pubblicità

I consigli per scegliere le scarpe del bambino

di Nostrofiglio Redazione - 18.04.2019 - Scrivici

primi-passi-primigi.600
Come scegliere le scarpine del bambino? E la giusta taglia?

I suoi primi passi

I primi passi: che emozione! Crescere è un'avventura e, un tentativo dopo l'altro, a poco a poco, dal gattonamento, si impara a stare in piedi e poi... eccolo che sposta un piedino dopo l'altro sostenendosi da solo.

Lo sviluppo motorio è una fase importante della crescita del bambino e in generale i bimbi completano questo passaggio tra i 10 e i 24 mesi. Tra i 6 e i 12 mesi inizia il gattonamento, ma non vale per tutti. Ci sono bambini che saltano questa fase per passare direttamente alla stazione eretta.

Si parte provando a cercare un sostegno per mettersi in piedi: l'angolo di un tavolino, il bordo di un divano, ecc. E non preoccupatevi se sarà spesso con il sederino per terra: il pannolino attutisce il colpo e i suoi tentativi vanno rispettati senza intromissioni.

Compito dei genitori in questo caso è rendere la casa sicura: ostacoli e soprammobili pericolosi vanno rimossi.

Una volta conquistata la stazione eretta, il bimbo tenterà con i primi passi: prima con l'aiuto di un sostegno, poi, pian piano, da solo. In questa fase cadute e piccoli incidenti sono all'ordine del giorno e il compito del genitore è di resistere e di non farsi prendere dall'ansia. Nel giro di pochi mesi sarà sempre più sicuro e rapido: nessuno lo fermerà più!

Come scegliere le sue scarpine?

12-14 mesi

Una scelta da fare con attenzione, perché in questa fase le scarpine sono fondamentali per acquisire sicurezza e disinvoltura.

I requisiti fondamentali sono:

  • devono essere alte fino alla caviglia per dare il giusto sostegno senza costringere e per evitare che si sfilino;
  • devono essere delicate a contatto con la sua pelle morbida, ma non cedevoli;
  • devono avere le suole larghe e flessibili in punta e sostenute sul tallone;
  • occorre che siano fatte con materiale naturale, morbido e traspirante.

15 mesi - 5 anni

Primigi consiglia tomaie morbide ma resistenti, con suole flessibili, ma che proteggono, con chiusure pratiche e sicure e sottopiede in materiale naturale per lasciare respirare la pelle.

6-10 anni

Stiamo diventando grandi e aumentano le occasioni d'uso. Le scarpe devono quindi garantire resistenza e flessibilità. Se da una parte l'estetica vuole la sua parte, soprattutto per le bimbe, è importante che le tomaie siano confortevoli e le suole indistruttibili.

Ogni stagione ha la sua scarpa

Quale scarpa scegliere in base alla stagione?

Primavera e autunno

Nelle mezze stagioni, indispensabili i modelli di media pesantezza, in pelle leggera con interni in cuoio o in tela, in modo tale da non dover passare subito dallo scarponcino alla scarpa aperta.

Estate

Fino ai due anni, sandali chiusi sia in punta e a sostegno del piedino. Dai due anni in su, via libera anche a sandali aperti sulle dita per le attività più tranquille. Da evitare sempre modelli a zoccoletto o senza cinturino sul tallone.

Inverno

Primigi propone due tipi di scarpe: un paio per uscire, adatte a freddo e pioggia, impermeabili e traspiranti GORE-TEX®, ed un paio per gli ambienti chiusi, con suole flessibili e molto leggere.

Come scegliere la taglia giusta delle sue scarpine?

È importantissimo scegliere la taglia giusta delle scarpine. Occorre tenere a mente che:

  • se troppo corta ostacola lo sviluppo del piede;
  • troppo lunga però non offre il giusto sostegno.

Come sapere se la taglia è corretta?

Prima di tutto prova sempre scarpa destra e sinistra, perché la grandezza del piedino potrebbe essere leggermente diversa.

Poi, segui questi cinque consigli:

  1. fai aderire il tallone alla parte posteriore della calzatura;
  2. fai tenere al bimbo ben distesa la pianta del piede;
  3. esercita una pressione leggera all'altezza dell'alluce, per controllare se tra la punta delle dita e la punta anteriore della scarpa rimane uno spazio di circa un centimetro;
  4. se il bimbo è molto piccolo, apri quanto più è possibile la scarpina e manda il piedino sempre più avanti possibile;
  5. se nello spazio che rimane tra tallone e interno posteriori entra un dito, la misura è giusta.

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli