Nostrofiglio

Pubblicità

Metodo Narhinel per il nasino chiuso

 
narhinelimmaginiadv2

16 Gennaio 2018
Prima e dopo il pediatra, è compito del genitore prendersi cura del proprio piccolo durante i momenti di maggior bisogno. Raffreddori o allergie respiratorie possono provocare molti disturbi e fastidi. Liberare il respiro del tuo bambino è importante 

Facebook Twitter Google Plus More

Avere il naso chiuso per un bambino molto piccolo è davvero fastidioso e costituisce un problema importante che induce un malessere generalizzato. Un bambino che ha tosse, congestione nasale, starnuti frequenti e a volte anche febbre, potrebbe avere una semplice infezione alle vie respiratorie, ossia il raffreddore, e può essere molto disturbato nel sonno e nell'appetito, diventando nervoso e irritabile. Tutto può diventare difficile: dormire in modo regolare, ma anche nutrirsi, poiché la bocca è impegnata a succhiare e deglutire e non può farlo se il nasino è chiuso. Rivolgersi al pediatra è sempre consigliabile per una valutazione costante delle condizioni del piccolo e del decorso dell'infezione, ma alcuni accorgimenti sono alla portata dei genitori.

 

Il punto di partenza è la detersione del nasino chiuso. Un neonato non è in grado di soffiarsi il naso: un rimedio semplice e utile è il Metodo Narhinel che  si può applicare con facilità seguendo dei passaggi precisi. Per detergere il nasino ci si può  affidare alla Soluzione Fisiologica, che ammorbidisce il muco, e si può usare insieme all'Aspiratore Nasale Soft che permette di aspirarlo facilmente per liberare il respiro del bambino. Il Metodo Narhinel può essere ripetuto anche tre o quattro volte al giorno, meglio se appena prima di mangiare o di dormire, e rappresenta anche un valido aiuto per la prevenzione dell’otite media e della rinosinusite.

 

La procedura corretta si suddivide in semplici cinque step da seguire:

  1. Utilizzare i flaconcini monouso di Soluzione Fisiologica per ammorbidire il muco.
  2. Inserire il ricambio morbido nel corpo centrale dell’Aspiratore Nasale Soft.
  3. Appoggiare delicatamente l’estremità del beccuccio alla narice del bambino.
  4. Aspirare con delicatezza attraverso il beccuccio, aumentando gradualmente l’intensità d’aspirazione fino a quando il muco non entra nel serbatoio trasparente (dove un apposito filtro tratterrà le secrezioni).
  5. Ripetere l’operazione nell’altra narice. Per una elevata igiene, si consiglia di sostituire il ricambio a ogni aspirazione. Se tra le due aspirazioni il ricambio risultasse pieno, espellere il muco su un fazzoletto soffiando nella bocchetta (o in alternativa sostituire il beccuccio).

Oltre a liberare il nasino, poi, ogni genitore può aiutare il proprio bimbo a stare meglio favorendo il rilassamento e il riposo, perché per difendersi da un'infezione è necessario avere molta energia. L'ideale è creare le condizioni adatte per poter indurre al riposo attraverso la disposizione di un ambiente caldo e accogliente con luci soffuse e lontano dai rumori.


Per aiutare a sciogliere il muco si può usare il classico umidificatore a caldo (più efficace nelle fasi acute del disturbo) o a freddo (utile sempre, anche quando il piccolo non è raffreddato, perché abbatte la polvere e l’inquinamento interno alla casa). Anche la giusta idratazione è importante per fluidificare le secrezioni: se il bambino è inappetente si può optare per i succhi di frutta che idratano e apportano zuccheri ed energia senza appesantirlo.

Gli oli e le pomate con balsami hanno solo un blando effetto sulla congestione nasale, ma agiscono sulla sensazione di benessere: al profumo balsamico si associa anche il calore prodotto dal massaggio delicato, ma bisogna ricordarsi di applicare l'unguento solo su petto o schiena che non presentino lesioni o sfoghi cutanei. Anche la posizione durante il riposo è fondamentale: per facilitare la respirazione ed evitare il ristagno del muco è consigliato posizionare un cuscino sotto il materassino per rialzare la testa del bambino. Respirerà con meno fatica.

 

Per saperne di più www.narhinel.it

 

E’ un dispositivo medico CE. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l’uso. Autorizzazione del 20/12/2017. CHITA/CHOTRI/0021/17d