Pubblicità

Mutandino: l'amico pannolino!

Di Samantha Bucci
fotomutandinobucci2
26 Novembre 2018
24 ore insieme a Pampers Mutandino. La mia esperienza.
Facebook Twitter Google Plus More
Uno dei temi più discussi dalle mamme è il cambio pannolino: quale prodotto utilizzare? Perché? Ho pensato, per questo motivo, di raccontare la mia esperienza sperando possa servire come consiglio. 
 
Ho una bimba, Erin, di 10 mesi e da qualche settimana ha cominciato a fare qualche passo reggendosi al bordo del lettino. Quanta emozione, la sua prima grande conquista. Non immaginavo minimamente che da quel momento sarebbe stata un'impresa titanica cambiarla. Ormai la piccola, ogni volta che viene adagiata sul fasciatoio, si dimena, si gira, comincia a piangere e urlare, cerca di mettersi seduta e si arrampica su di me o sul malcapitato di turno. 
Un supplizio per tutti.    
 
Qualche giorno fa stavo sul punto di cedere ad una crisi di nervi quando parlando con alcune amiche, i cui figli sono poco collaborativi come la mia durante il tanto temuto cambio pannolino, mi hanno consigliato MUTANDINO della Pampers. 
La cosa meravigliosa di Internet è il potersi collegare al sito dell'azienda produttrice in un secondo scoprendo due tipi di prodotti che avrebbero potuto fare al caso mio: Baby Dry e Progressi.
 
Avendo deciso di provarli entrambi ho chiesto a mio marito di acquistarli subito. Sono una mamma dinamica e le mie giornate iniziano la mattina presto e finiscono in tarda serata. Avendo mille cose da fare, come ogni genitore, ero decisa a tutto pur di evitare che quel gesto così frequente diventasse sfiancante ogni volta. 
 
Ore 21
Finalmente mio marito rincasa e mi consegna i due pacchi.
Decido subito di "testare" i Baby Dry ideali per noi, dato che la piccola tende a fare l'ultima poppata intorno alle 23 per svegliarsi alle 9 della mattina successiva. 
Sono rimasta piacevolmente stupita dal suo design intuitivo essendo simile ad una mutandina, funzionale e con la stessa assorbenza di un pannolino classico. 
I nastri adesivi posti in vita, che servivano per chiuderlo, sono stati sostituiti da una morbida e comodissima banda elastica. Questa particolarità mi è stata utilissima durante il cambio, malgrado la piccola si dimenasse come un'anguilla. 
La mattina seguente, al suo risveglio, pur essendo il pannolino pesantissimo per le 10 ore di diuresi, la bambina era completamente asciutta e senza irritazioni o arrossamenti, anche grazie al materiale traspirante di cui è fatto. 
L'ho cambiata e ho utilizzato i Progressi, che ho pensato fossero più indicati per il giorno.
 
Ore 11.30 
Pappa alla piccola.
Subito dopo pranzo la bimba ha "prodotto" l'inverosimile e finalmente ho avuto la possibilità verificare anche la validità dei Progressi
Perfetti anche loro come i Baby Dry sia per l'assorbenza e morbidezza che per la praticità.
 
Dopo pranzo, prima del sonnellino e di andare a prendere il fratello maggiore alla scuola materna, la piccola è solita giocare liberamente sul suo tappetino mentre io sbrigo altre faccende. Nonostante i suoi continui movimenti il pannolino non si è mai spostato anzi, è rimasto ben aderente alla piccola, con mio grande stupore e felicità. 
Qualche giorno fa, di pomeriggio, mio marito mi ha accompagnata a fare alcune commissioni, tra queste era inclusa una tappa al teatro del nostro paese. 
Dovevo chiedere alcune informazioni per la recita di Natale a cui avrebbe partecipato nostro figlio maggiore. Il teatro è in ristrutturazione e il bagno inagibile.
Parlando con l'organizzatore ho guardato Erin, che era diventata tutta rossa. Ok, regalino in vista!
Ho fatto cenno a mio marito di cambiarla e senza controbattere, ma con un rivolino di sudore evidentissimo sulla sua fronte, si è allontanato con la piccola nel passeggino. Dopo pochissimo è tornato trionfante con un sorriso beffardo e il pannolino piegato su se stesso, minuscolo e chiuso con il nastro adesivo apposito che era applicato proprio sul retro, come se avesse in mano un trofeo.
Una volta usciti da teatro mi ha raccontato la sua epica esperienza. Il cambio pannolino è stato facile e indolore, nulla a che vedere con i cambi fatti fino a quel momento con i pannolini tradizionali.  Come fasciatoio aveva ripiegato sul nostro passeggino. La piccola aveva cercato di dimenarsi ma è riuscito comunque a toglierle il pannolino con estrema facilità grazie alle aperture a strappo laterali poste in vita. Una volta pulita le ha infilato il pannolino, gesto veloce, deciso ma delicato. 
Le banda elastica sulla vita, che permette una perfetta vestibilità la cui morbidezza si adatta perfettamente alla bambina in maniera naturale e senza stringerla troppo, per lui è stata un salvavita. Senza parlare delle bande laterali, alte e che avvolgono benissimo la gambina senza provocare fuoriuscite indesiderate. 
 
Lui che con i pannolini classici correva spesso il rischio di metterli al contrario. Lui che tendeva a “stringere” un po' troppo i nastri adesivi quando li chiudeva, facendo sembrare nostra figlia un insaccato. In Mutandino aveva trovato un valido “alleato”. 
Questo prodotto ha vinto la prova anche per un papà un po' pasticcione come il nostro. 
 
Ore 15.45 
Andiamo a prendere Loris all'asilo. Poi qualche oretta in ludoteca dove i bambini continuano a giocare tra loro e le mamme chiacchierano in piena libertà.
Una mamma senza pannolino ha chiesto chi ne avesse uno adatto al suo bambino di un anno e mezzo. Io le ho dato Mutandino Progressi, che ormai uso per mia figlia, misura 4 che di kg va dagli 8 ai 15, ed è scappata in bagno con il piccolo in braccio. E' tornata entusiasta,  il cambio pannolino è stata una passeggiata, non gli è servito neanche il fasciatoio. Tutto è avvenuto stando in piedi, senza strilli e senza fatica. Ha continuato a ringraziarmi e chiedermi che marca di pannolino fosse. Intanto il bambino non ha mai lamentato che fosse troppo stretto né che fosse scomodo durante le ore di gioco successive.  
 
Ore 18.30
Tutti a casa, bagnetto veloce ai piccoli. Altro cambio pannolino a Erin, sempre con i Mutandino Progressi, ormai potrebbe cambiarla anche nostro figlio di 6 anni talmente è semplice. 
 
Ore 19.30 
Pappa
 
Ore 20.30 
Tutta la famiglia gioca un po' assieme guardando un cartone animato o un film.
 
Ore 21.15 
Bimbi a nanna, Erin ultimo cambio pannolino con i Baby Dry.
A fine giornata, inutile dirlo, i prodotti Pampers non mi deludono mai. Sia Mutandino Baby Dry che Progressi hanno superato non solo ogni nostra aspettativa ma hanno ricevuto l'approvazione di un'altra mamma che, come noi, consiglierà vivamente questo prodotto. Ora che la nostra piccola sta cominciando ad approcciarsi al camminare e sta manifestando “allergie” al fasciatoio, sarà ancora più facile cambiarla utilizzando Mutandino. Anzi, dopo l'esperienza in ludoteca credo che siano particolarmente indicati proprio per bambini più grandicelli e ottimi per chi deve affrontare l'avventura vasino proprio grazie alla somiglianza ad una semplice mutandina. 
 
Riassumendo punti a favore e in comune per entrambi i Mutandino:
  • Vestibilità impeccabile, non stringono ma aderiscono perfettamente al bambino come fosse un guanto senza creare impedimenti ai suoi movimenti.
  • Bande laterali alte e ben avvolgenti alla gamba, senza provocare fuoriuscite indesiderate. 
  • Ottima assorbenza e morbidezza, anche dopo diverse ore il bambino risulta asciutto e senza irritazioni/arrossamenti grazie al materiale traspirante.
  • Intuitivi sia nel toglierli, grazie agli strappi laterali posti in vita, che nel metterli essendo il design appunto una “mutandina”.
  • Occupano poco spazio una volta chiusi, si avvolgono come un involtino e si chiudono con il nastro apposito che si trova applicato sul retro del pannolino.
Facile anche con una sola mano.
Unica diversità per me riscontrata è lo spessore lievemente più alto nei Progressi rispetto ai Baby Dry. Questo non impedisce assolutamente i movimenti del bambino. E a parte questo non ci sono altre differenze.