Speciale vitamina D vai allo speciale
Pubblicità

Vitamina D nei bambini. Perché è importante integrarla

 
istock-944585218
17 Dicembre 2018
La vitamina D è nota soprattutto per le sue funzioni di protezione delle ossa, ma negli ultimi anni la ricerca ha permesso di scoprire che ha un ruolo ben più ampio per la nostra salute.
 
Facebook Twitter Google Plus More

 

Vitamina D: cos'è e a cosa serve

La vitamina D è nota soprattutto per le sue funzioni di protezione delle ossa, ma negli ultimi anni la ricerca ha permesso di scoprire che ha un ruolo ben più ampio per la nostra salute.
Con il termine “vitamina D” si indicano due diverse forme presenti in natura, la più importante di queste è la D3 (colecalciferolo).

La funzione principale della vitamina D è quella di favorire la mineralizzazione dell’osso, fino ad arrivare ad un picco di massa ossea che si raggiunge intorno ai 20 anni e dal quale dipende la salute futura dello scheletro. Al contempo la vitamina D aiuta anche lo sviluppo del tessuto muscolare, che a sua volta va a favorire la forza e la resistenza delle ossa.

Tra le altre funzioni troviamo per esempio quella immunitaria, sembra infatti che la vitamina D abbia un ruolo importante nella modulazione del sistema immunitario e quindi nella risposta contro le infezioni.
La dieta rappresenta una fonte limitata di vitamina D in quanto gli alimenti ne sono generalmente poveri salvo alcuni pesci grassi, le uova, il latte e i latticini. L’alimentazione infatti può contribuire soltanto per un 20% circa del fabbisogno giornaliero e non rappresenta pertanto una fonte sufficiente di vitamina D mentre l’esposizione solare contribuisce per il restante 80%.

L’utilizzo di integratori alimentari è consigliato, specialmente nei bambini, quando il fabbisogno giornaliero non può essere assicurato.

 

L’importanza della vitamina D per i bambini

Assicurare adeguate quantità di vitamina D fin dalla nascita si rivela dunque fondamentale, perché ottimizzando l’assorbimento di calcio e fosforo a livello intestinale la vitamina D promuove il raggiungimento di quel fatidico picco di massa ossea.
Lo stile di vita dei nostri bambini è cambiato nel tempo in quanto svolgono attività ludiche prevalentemente al chiuso riducendo così l’esposizione alla luce solare; le indagini epidemiologiche mostrano infatti che in Italia quasi un bambino su due (in età pre-scolare e fino all’adolescenza) non raggiunge livelli adeguati di vitamina D.

Come è ben noto, il nostro organismo è in grado di produrre vitamina D3 a livello cutaneo, in seguito all’esposizione della pelle ai raggi solari UVB.
Questa produzione varia in base ad alcuni fattori: il grado di pigmentazione della pelle, la latitudine in cui ci troviamo, il periodo dell’anno e l’ora del giorno, la durata dell’esposizione, l’inquinamento, gli abiti indossati e l’uso di protezioni solari.
Alle latitudini italiane, per esempio, da novembre a febbraio e in estate prima delle 10 del mattino e dopo le 15 del pomeriggio, l’esposizione alla luce solare determina una produzione di vitamina D minima o quasi nulla. L’utilizzo di una crema solare con protezione 30 invece riduce la sua produzione dal 95 al 99%.
Dal momento che l’esposizione al sole dovrebbe coprire l’80% circa del nostro fabbisogno di vitamina D, capiamo quanto sia importante che i bambini e i ragazzi stiano all’aria aperta il più possibile, specialmente nei mesi primaverili ed estivi, quando possono creare delle importantissime riserve vitaminiche fondamentali per l’inverno.

 

Integrare la vitamina D, quando e perché

Quando la dieta e lo stile di vita non siano adeguati, ad esempio il tempo trascorso dai bambini all’aria aperta (attività ludiche svolte prevalentemente al chiuso), può essere utile l’uso di integratori a base di vitamina D3. L'integrazione con vitamina D aiuta a costruire ossa sane e forti, e non solo! È consigliabile durante i mesi invernali, ma in caso di necessità può essere effettuata durante tutto l’anno.

Tra gli integratori di vitamina D di recente commercializzazione troviamo D3Base Junior*, consigliato a partire dal quarto anno di età, comodissimo nel suo formato, in forma di caramella gommosa gusto frutta.
Contenendo 600 UI di vitamina D3, una sola caramella è in grado di soddisfare il fabbisogno giornaliero del bambino, che, grazie al piacevole gusto arancia o frutti di bosco, vede l’integrazione come qualcosa di buono da chiedere ogni giorno alla mamma. 

D3Base Junior* non contiene glutine, lattosio e zuccheri ed è consigliato in tutti quei bambini in cui il fabbisogno giornaliero di vitamina D non è assicurato. D3Base Junior* rappresenta l’integrazione che aiuta a costruire ossa sane e forti, e non solo!

 

* Leggere attentamente le avvertenze

 

Seguici su d3basejunior.it