Da mammenellarete

Il linguaggio del neonato

neonato-pianto
04 Settembre 2012
Quando un bimbo è molto piccolo è difficile capire le sue esigenze. Piange: si, ma perché? Oggi mammenellarete.it ci aiuta a capire meglio il linguaggio del corpo del bambino.
Facebook Twitter More

Il pianto del bebè: ogni forma di pianto è diversa, una esprime fame, un’altra sonno, altre dolore, fastidio. Non c’è un modo di sapere in anticipo perché sta piangento. Si procede per tentativi e a mano a mano che si impara a conoscere il bambino, si inizia a riconoscere il tipo di pianto;

Ittero: quel giallore fisiologico che compare dopo il parto, è normale se perdura, per non più di una settimana nel piccolo nato nei tempi giusti e per più di due settimane nei prematuri.
Qualora la scomparsa dell’ittero non avvenissi naturalmente entro questi tempi, cosa vorrà dirci il corpo del piccolo? Il livello di bilirubina non si è abbassato e questo stato è diventato patologico. È bene rivolgersi al pediatra che saprà consigliarvi su come procedere;

Arrossamento pelle: se compare intorno alla zona della mutandina, potrebbe essere eritema da pannolino che si forma a causa dell’umidità e del sudore. A volte può trasformarsi in dermatite da pannolino e altre volte potrebbe portare allo sviluppo di un fungo, la Candida albicans. Per prevenire questo disturbo è bene pulire con cura la zona del pannolino ed idratare ed ammorbidire con olio emolliente;

Leggi gli altri consigli di oggi di mammenellarete nell'articolo Il bimbo e il linguaggio del corpo, cosa ci sta dicendo?